Storia e Narrazione ancora al Teatro Ariberto

Paolo Colombo e Chiara Continisio, giunti ormai alla nona stagione, vi aspettano anche quest'anno al Teatro Ariberto di Milano (via Daniele Crespi, 9), sempre alle 20:45.

Per informazioni sull'acquisto dei biglietti visita www.nuovoteatroariberto.it

 


6 novembre 2014

Faccia a faccia col vampiro. Sete di potere, corruzione e altri mostri della politica nello specchio della Romania comunista

Parliamo continuamente di ‘allargamento a Est dell’Europa’, ma quanto sappiamo della storia dei Paesi che stavano un tempo al di là della ‘Cortina di ferro’? Dal primo governo comunista di Gheorghìu Dej a quello post-rivoluzionario di Antonescu – senza trascurare le lontane origini romane e il mito di Dracula, le finali di Coppa dei Campioni giocate dalla Steaua e le toccanti vicissitudini subite dalla città di Bucarest – e dalle vicende del regime di Nicolae e Elena Ceausescu alla rocambolesca rivoluzione che pone ad esso fine, per scoprire che la politica non è solo la maschera positiva ed idealistica che ci viene proposta dalla propaganda, ma anche una faccenda molto più ‘bassa’ e dura da vivere.

di e con Paolo Colombo



18 dicembre 2014

Oh, happy day! Storia e storie del Natale

Natale è più di ogni altra cosa “attesa”: attese gioiose e trepidanti, ma anche nervose e malinconiche. Attese che durano secoli, giorni o anche solo minuti. Attese annunciate dalle Sacre Scritture. Attese descritte dalle canzoni. Attese personali e nascoste. Attese che segnano la storia. Attese raccontate scivolando leggeri, come una slitta sulla neve, da Betlemme alla Finlandia, da Stille Nacht a Jingle Bells, dai Re magi a John Lennon, dalle piccole storie natalizie alla grande Storia del mondo.

Di e con Paolo Colombo e Chiara Continisio


26 febbraio 2015

Nel territorio di Dio. Le esplosioni di Hiroshima e Nagasaki negli occhi dei sopravvissuti

Esiste una fonte eccezionale per raccontare (cosa che pochissimi si sono provati a fare) quel che significhi un’esplosione nucleare: eppure si tratta di una fonte cui non si presta quasi mai attenzione. Si tratta delle voci dei protagonisti, sopravvissuti a quel terribile dramma: gli Hibakusha. Ascoltandole si viene catapultati nel pieno della più allucinante catastrofe distruttiva generata dall’umanità nel corso della sua storia con l’impiego di un’arma capace di spazzare dal nostro pianeta via la vita come la conosciamo. Detto diversamente: questa lezione ci catapulta “nel territorio di Dio”.

di e con Paolo Colombo

 

 

4-8 marzo 2015

Pane e uguaglianza. Come le donne hanno “inventato” la democrazia

Si sa, da che mondo è mondo, la Storia la raccontano i vincitori. Ed è forse per questo, che il “sesso debole”, “l’altra metà del cielo”, il “secondo sesso” vi compare così poco da protagonista. Negli ultimi anni, però, il lavoro degli studiosi e delle studiose ha cominciato a sbriciolare la “parete di cristallo” che ha tenuto le donne al di qua del fluire degli eventi e dell’evolversi delle idee, e ora il ruolo svolto dalle donne è a fuoco come mai prima. Questo è il racconto di come le donne, grazie alla loro funzione di sfamare la specie, hanno letteralmente inventato la democrazia. E di come hanno saputo reinventare un dato biologico, che per secoli le aveva volute confinare nella casa e nella famiglia, trasformandolo in un potente fattore di diffusione del sentimento dell’uguaglianza, che è il cuore vero della democrazia.

di e con Chiara Continisio


29 aprile 2015

«Quest’uomo deve regnare o morire». La Nazione francese vs. Luigi Capeto, meglio noto come Luigi XVI di Borbone

Attorno al Patibolo allestito per la decapitazione di Luigi XVI, il 21 gennaio del 1793 sulla Place de la Rèvolution a Parigi, una folla di migliaia di persone si era assiepata fin dalle prime luci dell’alba per assistere a una decapitazione che metteva fine a molto più che alla vita di un uomo e di un regime. Testimoni privilegiati delle vicende che portarono dall’arresto alla morte del Re furono Olympe de Gouges (scrittrice e pasionaria dei diritti delle donne), Maximilien Robespierre (deputato giacobino alla Convenzione) e Henry Sanson (il boia), che quel giorno erano là, come tutti, a guardare un macabro rito di morte. Tutti ebbero a che fare con la stessa storia, ma per tutti si trattò di una storia diversa. Questo è il racconto delle loro versioni su un’esecuzione che scioccò la Francia, che in un solo colpo uccideva il padre e l’antico regime e, tra le doglie della rivoluzione, metteva al mondo la modernità politica. A tenere il tempo, una travolgente – e inaspettata – colonna sonora.

di e con Chiara Continisio

 

9 maggio 2015

Clandestinità e prigionia.

Le lettere di Aldo Moro dal "carcere del popolo" e le "voci" delle BR

Le lettere scritte da Aldo Moro nei 55 giorni del suo rapimento, le voci dei brigatisti e la testimonianza di Anna Laura Braghetti, l'unica donna tra i carcerieri del Presidente della DC, possono servire, come in questo racconto, a descrivere quel che avviene nella vita, nella mente e nel cuore dei protagonisti della più grande tragedia dell'Italia repubblicana. Ne viene una narrazione tanto politica quanto civile, dove gli attori della Storia sono anche (e prima di tutto) uomini e donne.

di e con Paolo Colombo e Chiara Continisio 

Speciale Giornata in memoria delle vittime del terrorismo

 

28 maggio 2015

Sulla scena del mondo. Storie di bellezza e genialità attraverso le Esposizioni Universali

Un secolo e mezzo di storia delle Esposizioni Universali. Un tempo lunghissimo. Un tempo mosso, all’origine, da una spinta ideale superlativa: chiamare a raccolta gli esseri umani di ogni parte del mondo a mostrarsi reciprocamente ciò che di più bello e utile ci fosse. Un tempo ritmato, peraltro, anche da utilitarismo, egoismi, doppi fini, desiderio di potere. Un tempo affollato di eccezionali eventi storici e personaggi memorabili. In una cavalcata travolgente ecco un giardiniere che costruisce palazzi, nazioni che si scontrano con accanimento secolare, artisti che creano capolavori, una ballerina che strega un re, ciclopici progetti falliti, piccole invenzioni che cambiano la storia dell’umanità. Cose che accadono, quando si è lì, sulla scena del mondo.

di e con Paolo Colombo


10-11 giugno 2015

Through the barricades. Fuori dagli anni di piombo, dentro gli anni Ottanta

E se gli anni Ottanta non fossero solo riflusso e disimpegno? Se l’edonismo e la leggerezza non fossero state solo vie di fuga (dagli anni di piombo, dall’impegno esasperato, dalla politicizzazione forzata), ma anche strade d’ingresso in un mondo nuovo, dove poter cantare senza fare comizi, studiare senza rivoluzionare la società, affermarsi senza trasformarsi in qualunquisti e provare a respirare un’aria diversa? Storie di una generazione che, tornando a divertirsi, ricuciva le ferite di una stagione drammatica, e salvava il mondo da se stesso.

di e con Paolo Colombo e Chiara Continisio