IL PROGETTO

Chi l'ha detto che la storia è noiosa? Il raccontarla non è forse uno dei primi atti che nonni e genitori compiono nei confronti di nipoti e figli? Proprio da questa considerazione partono le riflessioni di Paolo Colombo e Chiara Continisio, docenti di Storia presso l'Università Cattolica di Milano.

Leopold von Ranke, considerato il primo grande storico moderno, sosteneva che la storia dovesse essere spiegata attraverso una descrizione narrativa, rinunciando a qualsiasi impulso romantico, proprio perchè la storia, così come si era svolta, era più affascinante e coinvolgente di qualsiasi versione romanzata della stessa.

Paolo Colombo e Chiara Continisio si inseriscono quindi nel solco tracciato da studiosi anglosassoni che per primi si interrogarono sull'importanza dello storytelling. Il loro non è un semplice contributo accademico ma un vero e proprio laboratorio di "creazione di storie" attraverso la narrazione, esperimento che si conclude ogni volta con la partecipazione del pubblico, chiamato ad assistere a una storia coinvolgente e affascinante, come quella che i nostri nonni e i nostri genitori ci raccontavano prima di andare a dormire...

 

PROSSIMAMENTE

Varsavia 1944.

La distruzione di una città

22 e 23 febbraio 2018, 20:45

 

Il racconto di un “episodio” della II guerra mondiale trascurato dai manuali di storia eppure caratterizzato da un tasso di assurda drammaticità che lo rende per molti aspetti unico. Una vera e propria narrazione civile. Intrecciando la Storia politica con singole storie individuali e specifiche vicende si ricostruisce in maniera toccante e avvincente l’evoluzione dei rapporti tra Germania e Polonia fino alla agghiacciante decisione nazista di radere al suolo la capitale polacca. Il racconto orale è accompagnato da un “tappeto” di immagini, filmati e musiche che sostengono l’attenzione degli ascoltatori e si propongono di saldare le informazioni con il coinvolgimento emotivo.

 

di e con Paolo Colombo 

Immagini e suoni a cura di Pietro Cuomo